Aleksandrov
l’Anello d’Oro
La storia di Aleksandrov è inseparabile dai drammatici eventi del XVI secolo, poiché il Cremlino Aleksandrov era di fatto la capitale della "oprichnina" dello zar russo nel periodo 1564-1581. La Oprichnina è il nome di una speciale politica dello zar Ivan il Terribile, finalizzata alla eliminazione dei "traditori", che implicava anche la confisca di proprietà, esecuzioni e terrore sotto il controllo statale. Oggi il Cremlino Aleksandrov è un complesso turistico ben curato con chiese e cattedrali attive. Tutti gli edifici del complesso sono aperti ai turisti per visite guidate e si può anche salire sul punto più panoramico della Chiesa-campanile Raspyatskaya.