Transiberiana
Avanti - DMC - Benvenuto in RussiaDestinazioni di viaggioKazanEkaterinburgIrkutskKrasnojarskNovosibirsk
Oltre quattromila chilometri di rotaie. Per un viaggio che vi condurrà alla scoperta di un territorio sconfinato, fino all’estremità opposta del Paese. Ecco quali sono i luoghi più interessanti della Bajkal-Amur e le letture da portare con sé in treno.

Quasi in tutto il mondo, la visita di parchi naturali e riserve fa parte della grande industria turistica. Per la Siberia, che conserva enormi e incontaminati territori formati da boschi, fiumi, laghi e zone montuose, questo trend è ancora piuttosto nuovo e in ciò ci sono diversi aspetti positivi: i percorsi ecologici sono sufficientemente solitari e nei posti più selvaggi non c'è grande affluenza di turisti.
La ferrovia Transiberiana compare nel libro dei Guinness dei Primati per tre ragioni: lunghezza totale, numero di stazioni e tempi di costruzione.
Agli inizi del XX secolo, i suoi binari collegavano la parte europea della Russia a quella asiatica. Ora si sta pensando di ampliarla in modo che diventi un corridoio di trasporto internazionale che colleghi l’Europa ai Paesi del Pacific Rim.
La Transiberiana non si limitava solo a collegare la Siberia e l’Estremo Oriente russo con il resto della Russia. Essa contribuì allo sviluppo di una serie di nuove città e villaggi nelle zone più remote del Paese. Attualmente, la Transiberiana è uno dei principali itinerari turistici della Russia, assieme al Bajkal, alle due capitali e all’“Anello d’Oro”. Le più grandi città lungo la “Gran Via Siberiana” sono Vladivostok, Chabarovsk, Irkutsk, Ekaterinburg, Nižnij Novgorod e Mosca.
Attraversare l’Eurasia lungo il tracciato della Transiberiana è l’avventura di una vita e rappresenta uno degli obiettivi più ambiti da molti viaggiatori. Si tratta indubbiamente di un’esperienza indimenticabile, che permette di ammirare vedute che tolgono il fiato e conoscere abitanti di luoghi lontani.

Treni diretti
La Transiberiana è percorsa da diversi treni di lusso, ciascuno dei quali offre attrattive e modalità diverse, permettendo di attraversare Russia, Mongolia e Cina a bordo di quelli che, per livello di comfort, possono essere paragonati a degli esclusivi “alberghi su ruote”, dove tra cucina d’eccezione, interessanti conferenze e ottimo servizio si creano innumerevoli opportunità di stringere amicizia con gli altri viaggiatori provenienti da tutto il mondo. La Transiberiana è percorsa da quattro treni di lusso, gestiti da compagnie private. Si chiamano Aquila d’oro, L’oro degli zar, Grand Trans-Siberian Express e il nuovissimo Russia Imperiale.
Ekaterinburg
La capitale degli Urali è l'unica città al mondo ad appartenere a due continenti diversi, sorgendo sul confine tra Europa e Asia. Da villaggio abbandonato di minatori è cresciuta sino a diventare la terza città della Russia. La città fu fondata nel 1723 dal primo imperatore russo Pietro I, quale fabbrica-fortezza sul fiume Iset, e divenne, successivamente, il luogo della morte dell'ultimo imperatore, Nicola II. Durante la Grande Guerra Patriottica qui vennero evacuate oltre cinquanta aziende, la collezione dell’Ermitage e il teatro d’Arte A. Cechov di Mosca. Sempre durante la Grande Guerra Patriottica nella città si trovava il trasmettitore radio più potente.
Irkutsk
Irkutsk una città affascinante, ricca di storia e tradizioni, considerata oggi uno dei centri più importanti della Siberia. Il monumento eretto in memoria del ricercatore Grigory Shelikhov, insieme al villaggio di ghiaccio e alle colorate cupole delle cattedrali sono solamente alcuni piccoli dettagli che rendono unico questo luogo. Irkutsk è uno degli snodi principali sulla ferrovia Transiberiana e principale via d'ingresso per il lago Bajkal, il più profondo bacino di acqua potabile al mondo.
Vladivostok
Vladivostok è una delle città più orientali della Russia, è una città piena di vita e ricca di contrasti tra vecchio e nuovo. Costruita su una serie di rilievi montani che si ergono dal mare con l’imponenza di una cascata di roccia, le sue strade sono percorse da un viavai frenetico di veicoli. Antiche abitazioni di legno si alternano a grandi complessi condominiali di cemento risalenti all’epoca sovietica. Lo scintillio dei nuovi casinò, con i loro guizzi di luci al neon, rischiara i vicoli, mentre petroliere e navi della Marina entrano ed escono dal porto.